Imposta di Soggiorno

Presupposto dell'Imposta

imposta si soggiorno

Il presupposto dell’imposta è il pernottamento in strutture ricettive così come definite dalla L.R. n. 28 del 10.08.2012 (Disciplina dell'agriturismo, ittiturismo e pescaturismo ) , dalla L.R. n. 11 del 14.06.2013 (Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto)  modificata con L.R. n. 45 del 30.12.2014 e dall’articolo 4 del D.L. 50 del 24.04.2017,  situate nel Comune di Cornuda

Chi deve pagare

Chi deve pagare?

Il soggetto passivo è:
Chi pernotta, nell’anno solare, nelle struttura ricettive  non iscritto nell’anagrafe del Comune di Cornuda


Misura dell'Imposta:

L’imposta di soggiorno è determinata per persona e per pernottamento ed è applicata per un massimo di 10 pernottamenti consecutivi. 

Esensioni

Sono esenti dal pagamento dell’imposta di soggiorno:

  1. I minori entro il quattordicesimo anno di età;
  2. I portatori di handicap non autosufficienti con idonea certificazione medica;
  3. Gli autisti di pullman e gli accompagnatori turistici che prestano attività di assistenza ai gruppi di almeno 20 persone;
  4. Gli appartenenti alle Forze dell’ordine, ai Vigili del Fuoco e gli operatori della Protezione Civile che pernottano in occasione di eventi di particolare rilevanza per cui sono chiamati, nel Comune di Cornuda, per esigenze di servizio;

I malati che effettuano terapie salvavita presso strutture sanitarie site nel distretto sanitario del Comune di Cornuda, chi assiste i degenti, ricoverati o malati che effettuano dette terapie in ragione di un accompagnatore, se il paziente è maggiorenne, e di due accompagnatori, se l paziente è minore